L'officina

Comm. Antonio Vecchi

Amore e passione per il lavoro, ampia disponibilità alla collaborazione, particolare attenzione allo sviluppo delle più moderne tecnologie, innovazioni nelle metodologie lavorative sono solamente alcune delle principali prerogative della nostra azienda, riferimenti imprescindibili e cardini della politica economica del nostro fondatore, il COMM. ANTONIO VECCHI.

Questa è la nostra filosofia, su questa strada è trascorso il nostro passato e segue il nostro presente, così sarà anche il futuro verso il quale siamo proiettati con uno sguardo ottimistico.

Per raggiungere nuovi ambiziosi traguardi, protesi certamente ad un incremento della produttività, ma soprattutto al miglioramento del tenore di vita di ognuno, intendiamo continuare in modo proficuo e duraturo su questi passi, facendo tesoro delle esperienze acquisite, credendo fortemente nel presente, sentendoci motivati e preparati per il domani.Le officine Vecchi nascono nel 1909 ad opera di Arnoldo Vecchi per la produzione di macchine e componenti per il settore tessile. I tempi sono duri ma premiano l'intraprendenza della famiglia Vecchi, così che l'azienda cresce e prospera fino ad avere fino a 70 dipendenti tra operai e tecnici. Nel 1959 il figlio Antonio Vecchi allarga il campo d'azione delle officine iniziando a produrre ingranaggi e riduttori speciali non solo per le proprie macchine ma anche conto terzi.
Il continuo contatto con problematiche e soluzioni diverse applicate nei più diversi settori, dall'alimentare al movimento terra, dalla siderurgia alla plastica, solo come esempio, hanno formato la nostra esperienza portandoci a soddisfare le particolari necessità di ogni cliente.

Il lavoro di Antonio è stato proseguito dal figlio Amedeo, la terza generazione, ed oggi seguono Marco e Sara Vecchi che rappresentano la quarta generazione, impegnati nel continuare quello che i padri hanno fondato.
Oggi mettiamo a disposizione dei nostri clienti la nostra esperienza maturata in quelli che sono, oramai, oltre cent'anni di attività.

 

Share by: